Ingegneria VS Economia: le facoltà più promettenti del momento
Ingegneria VS Economia le facolta piu promettenti del momento

Il binomio Ingegneria Economia è ricorrente negli ultimi anni in merito a facoltà promettenti per i giovani. Entrambi i percorsi infatti rientrano tra le specializzazioni più richieste nella fase post-lauream e sono le facoltà più consigliate al momento dell’iscrizione all’Università.

Ciascuno dei due ambiti ha al suo interno degli indirizzi specifici, che spaziano dall’informatica all’elettronica, dal management alla gestione d’impresa. La laurea triennale in ingegneria apre le porte ai settori tecnologici più avanzati del momento; la laurea triennale in economia fornisce le basi per creare i manager del futuro a controllo e gestione dei mercati italiani ed esteri.

Sbocchi lavorativi

L’indagine condotta dal Gruppo intersettoriale Direttori del Personale, la GiDP, ha sottolineato come le grandi aziende del nord tendano ad assumere giovani stagisti o neolaureati. La percentuale di assunzione dopo il tirocinio post-lauream non è allettante (13%), ma il 2018 fa registrare nelle grandi aziende assunzioni di giovani nel 95% dei casi. I contratti più quotati sono quelli a tempo determinato o di apprendistato professionalizzante; sono stadi intermedi di valutazione del neoassunto, dopo i quali si procede con proposte contrattuali più interessanti. Le giovani risorse, soprattutto in questi settori, sono fondamentali per modernizzare prassi lavorative e trovare nuovi stimoli di crescita.

L’estendersi dell’industria 4.0 ha quasi obbligato le aziende a svecchiare il proprio team di lavoro, altrimenti si rischia di creare un gap non indifferente con altre realtà italiane ed internazionali. É quindi un buonissimo investimento quello di iscriversi ad uno di questi indirizzi. Se non si ha l’opportunità di frequentare in sede le lezioni previste dal corso di laurea o di trasferirsi in città lontane dalla propria residenza, Unicusano offre la possibilità di poter seguire a distanza le lezioni e sostenere gli esami nelle sedi dislocate in tutta Italia. In questo modo si risparmia tempo e denaro, riuscendo anche a conciliare lo studio con il lavoro.

Specializzazioni più richieste

Tra i settori più importanti da qualificare, troviamo l’area ricerca e sviluppo, che supera come numero di assunti il settore marketing. La laurea più ricercata è ingegneria, in particolare ingegneria elettronica, fondamentale per lo sviluppo di nuovi progetti.

Segue poi la laurea in economia, con particolare interesse alla gestione aziendale ed infine l’indirizzo informatico, che ha conosciuto un boom negli anni scorsi e che adesso si è assestato, mantenendo però una buona fetta di richieste. Il compenso per i neolaureati si mantiene praticamente stabile e solo l’ambito del commercio e dei servizi fa registrare un aumento del compenso annuale.

Ricerca dei professionisti

Le aziende che assumono utilizzano diversi strumenti di recruitment, è quindi importante essere presente su più canali per avere più possibilità di essere trovati. Il più utilizzato è il placement universitario che fa registrare un 37%, seguono poi le Agenzie del lavoro con il 22% e i social network, che fanno registrare un 9% di gradimento. Una percentuale che sembra bassa, ma che in realtà è in forte aumento. Basti pensare che nel 2018 era al 3%. Occhio dunque alla presenza sui social, in particolare LinkedIn, il canale dedicato proprio ai professionisti.

Possono interessarti

Digos indaga su svastiche comparse al liceo Parini

La scuola è appena terminata, eppure proprio una scuola è al centro…

Open Day 2018-2019 negli istituti superiori di Napoli, Milano, Roma

In questo periodo dell’anno scolastico si organizzano gli Open Day in tutti…

Prove Invalsi 2018 novità inglese è nei test

Le prove Invalsi sono prove scritte standardizzate volute dal Sistema Nazionale per…

Invalsi, i risultati dei nostri studenti non sono certo eccellenti

Da qualche anno ai nostri studenti, in concomitanza con gli esami finali…