Campania, per il concorso regionale superato il milione di domande
Campania per il concorso regionale superato il milione di domande

Al sud nessuno vuole lavorare, sono tutti sfaticati e lassisti, pronti solo a crogiolarsi nei propri problemi in attesa del reddito di cittadinanza: pregiudizi tanto vecchi quanto purtroppo sempre attuali, nonostante poi si scontrano con la realtà.

Perché non solo milioni di giovani ogni anno lasciano la propria terra per cercare impiego altrove, ma anche perché quando c’è un concorso o un’opportunità concreta la corsa è di quelle serrate.

Lo dimostra il cosiddetto “concorsone” bandito dalla regione Campania: ieri è stato l’ultimo giorno per presentare la propria candidatura e le domande sono presentate sono state oltre un milione per 2.175 posti attualmente disponibili e che riguardano 160 Comuni, tra cui Napoli.

I 950 laureati nuovi assunti saranno inquadrati nella categoria D, mentre i 1.225 diplomati saranno inquadrati nella categoria C. Per quanto riguarda i 950 laureati, la suddivisione prevede 328 presso la Regione Campania, 15 al Consiglio Regionale e 607 distribuiti in vari enti locali campani.

Per quanto concerne invece i 1.225 nuovi diplomati che saranno assunti, 187 lavoreranno presso la Regione Campania, 18 presso il Consiglio Regionale e 1.020 presso vari enti locali.


“Questi numeri indicano il successo dell’iniziativa lanciata con lungimiranza dal presidente De Luca e la voglia di tanti giovani di rimanere nella propria terra e soprattutto di impegnarsi perché la Campania fornisca a cittadini e operatori economici servizi più efficienti, un pubblica amministrazione 4.0”, ha sottolineato all’Ansa Sonia Palmeri, assessore al lavoro e Risorse Umane della Regione.

Possono interessarti

In Inghilterra si chiede di alleviare la pressione sugli insegnanti

“La cultura dell’audit”, così è chiamata in Inghilterra, sarebbe la causa del…

Alessandro Maria Montresor, continua la sua corsa per la vita

Nelle ultime settimane è andata avanti la gara di solidarietà per cercare…

I precari della scuola: tutti assunti entro il 2018?

Durante le ultime legislature si è più volte parlato di “Buona Scuola”,…

Università telematica: il ruolo strategico della modalità e-learning

Sono un fenomeno “nuovo” in Italia (13 anni appena) ma esistono da…