Milano, autista cerca di far fuoco a un’intera classe di ragazzini
Milano autista cerca di far fuoco a un intera classe di ragazzini

Se il suo voleva essere un grido di aiuto o un atto di sensibilizzazione per la sua causa, Ousseynou Sy, 47 anni, autista di origine senegalese ha scelto il modo peggiore: l’uomo infatti nella giornata di ieri ha sequestrato sul pullman che conduceva un’intera scolaresca e ha minacciato di ucciderli tutti, dandogli fuoco.

In particolare, l’uomo ha sequestrato un autobus con a bordo 51 studenti della scuola media Vailati di Crema che stavano andando in palestra e ha imboccato la strada che porta a Linate. Il folle, perché è difficile definirlo diversamente, ha sequestrato i cellulari e legato tutti i bambini con fascette da elettricista, poi ha dato fuoco al mezzo, ma per fortuna i carabinieri sono riusciti a far uscire tutti dal mezzo in tempo.
Un vero e proprio miracolo che non ci siano state vittime, ed il merito è stato di alcuni ragazzini che sono riusciti ad avvisare i genitori, che hanno prontamente allertato le forze dell’ordine.

La vicenda è stata ricostruita dal comandante provinciale dei carabinieri di Milano, Luca De Marchis: “A bordo del pullman, un bambino è riuscito ad avvisare un genitore e un accompagnatore è riuscito a chiamare il 112. Quindi, partono una serie di allarmi tra le centrali operative di Cremona, Lodi, Milano per intercettare il pullman”.

“Il mezzo – prosegue il comandante – viene rintracciato sulla strada provinciale Paullese, dietro il cavalcavia, da tre autoradio della compagnia di San Donato Milanese. Una pattuglia sbarra la strada al pullman per fermarlo, mentre le altre correvano dietro, e viene speronata dal pullman e girata sulla sede stradale”.

“Nel frattempo – continua il comandante nel suo racconto – i carabinieri che in questo, devo dire la verità, sono stati veramente straordinari sono riusciti a bloccare il pullman che continuava, comunque, ad avanzare lentamente e hanno intercettato l’autista che, in quel momento, si è alzato. Brandiva un accendino, aveva una tanica all’interno del pullman, e minacciava, quindi, faceva intendere che avrebbe dato fuoco al pullman.

Mentre i militari tenevano impegnato l’autista nella parte anteriore del mezzo, le altre pattuglie sono intervenute sulla parte posteriore, hanno forzato la porte posteriore, hanno infranto due vetri con lo sfollagente che hanno in dotazione e hanno incominciato a tirar giù i ragazzi dal pullman. A quel punto l’autista ha dato fuoco alla benzina che aveva già gettato a terra”.

Tutto è durato circa 40 minuti e Ousseynou non avrebbe fatto alcuna invocazione all’Islam, ma avrebbe gridato più volte: “Voglio farla finita, di voi non si salverà nessuno, vanno fermate le morti nel Mediterraneo”.

L’uomo naturalmente è stato arrestato con l’accusa di sequestro di persona e strage con l’aggravante della finalità di terrorismo.

Possono interessarti

Torino, due maestre accusate di maltrattamenti in un nido

Quanto più i bambini sono piccoli, tanto più sono indifesi ed incapaci…

Campania, per il concorso regionale superato il milione di domande

Al sud nessuno vuole lavorare, sono tutti sfaticati e lassisti, pronti solo…

Materie maturità 2018 Fedeli le annuncia sul web

Gli studenti sono in trepidante attesa che il Miur e il ministro…

Biella, professore arrestato per violenza

Negli ultimi mesi, anche grazie all’attenzione sempre maggiore dei genitori nel vigilare…