Test d’ingresso Università 2020: date e come esercitarsi

I test d’ingresso all’Università 2020 sono un’occasione importante per tutti quegli studenti che hanno frequentato e superato l’ultimo anno delle superiori e che vogliono continuare gli studi. Molte facoltà prevedono attualmente il superamento di un test per essere ammessi, infatti esistono molte facoltà a numero chiuso, che accolgono soltanto un numero predefinito di studenti.

Di solito ci sono dei corsi di studio a numero programmato a livello nazionale, anche se non mancano le facoltà a numero chiuso a carattere locale che sono gestite in maniera autonoma dai vari atenei.

I corsi ad accesso a numero programmato a livello nazionale sono costituiti da architettura, medicina, veterinaria e professioni sanitarie.

Quando si svolgono i test per l’accesso all’Università

Dobbiamo fare una differenza tra facoltà a numero programmato a livello nazionale, i cui test di ammissione si svolgono nel mese di settembre contemporaneamente in tutta Italia, e le facoltà a numero chiuso di carattere locale, la cui data può variare, perché le date per le prove vengono stabilite dalle singole università.

Per quanto riguarda l’università di quest’anno, i test di ammissione a livello nazionale hanno le seguenti date: il test per medicina il 3 settembre, il test per veterinaria l’1 settembre, il test per le professioni sanitarie 8 settembre, il test di scienze della formazione primaria il 16 settembre.

Per quanto riguarda invece il test di architettura è stato stabilito dal Ministero che venga svolto entro il 25 settembre. In questo caso ogni ateneo avrà facoltà di stabilire la propria data di riferimento.

L’importanza delle esercitazioni

Sicuramente per molti studenti che hanno appena finito la scuola superiore i test d’ingresso all’università sono molto temuti. Non rappresentano di certo una prova estremamente facile da sostenere, anche perché bisogna conseguire un punteggio piuttosto alto, per potersi situare in una posizione vantaggiosa della graduatoria, per poi essere sicuri di rientrare tra coloro che decidono di iscriversi.

Quindi l’unica strategia che ti possiamo consigliare, se anche tu sei uno degli studenti che devono affrontare i test per l’università, è quella di basarti su una solida preparazione. Per poter contare su questa la strategia più importante è quella di avere una buona base di partenza, compiendo quante più esercitazioni ti è possibile.

Ti consigliamo in particolare di esercitarti con le simulazioni. Infatti non basta soltanto essere preparati a livello teorico. Questo deriva dalla struttura stessa dei test d’ingresso. Le domande tipiche dei test sono strutturate in modo da avere anche capacità di intuizione e certe abilità di ragionamento che non sempre vengono trattate in maniera adeguata alla scuola superiore.

Tieni presente che non si tratta di uno studio di carattere mnemonico o nozionistico, ma più che altro si tratta di esercitarsi nel superare la struttura dei test tipici per l’accesso alle varie facoltà.

Ci sono vari fattori che entrano in gioco e non sono soltanto quelli che riguardano le tue reali conoscenze su dati argomenti. Spesso quello che conta è anche essere veloci nel rispondere alle varie domande. La gestione del tempo è uno degli elementi che più può fare la differenza.

Quanto sono importanti i gruppi di studio

Potresti ricorrere anche all’inserimento all’interno di alcuni gruppi di studio, a patto che questi siano gestiti in maniera adeguata. Naturalmente far parte di un gruppo di studio non significa limitarsi a leggere delle nozioni tutti insieme.

Si tratta di qualcosa di molto più preciso, perché studiare in gruppo ti permette di creare un’atmosfera di comprensione, in modo da confrontarti con gli altri e risolvere eventuali dubbi e perplessità.

Il segreto dell’efficacia del gruppo di studio è quello di potersi sostenere a vicenda, in modo da avanzare tutti insieme, senza che nessuno resti indietro.

Sono molto importanti anche gli spunti di riflessione che possono nascere dall’aver segnato delle risposte differenti. Infatti anche in questo caso potrai necessariamente confrontarti con gli altri membri del gruppo e vedere quale delle risposte possa essere considerata corretta.

Tutto ciò rappresenta anche un’occasione essenziale per ripassare insieme quegli argomenti sui quali si hanno delle incertezze.

Sergio Alberti
Laureato in Lettere, insegna italiano. Attento da sempre a tutta la normativa che riguarda la scuola, segue con interesse il mondo dell'istruzione. Ama leggere di tutto, soprattutto i saggi.

Latest Posts

Liceo scientifico: materie di studio e sbocchi professionali

Al liceo scientifico materie molto particolari e specifiche che si riferiscono proprio a questo tipo di percorso di studio. Ma perché scegliere il liceo...

Entro la prima settimana di ottobre la prova scritta del concorso straordinario

La ministra dell'Istruzione Lucia Azzolina ha annunciato che la prova scritta del concorso straordinario si terrà entro la prima settimana di ottobre. Sono queste...

Bonus 500 euro per la scuola: acquisti anche per la didattica a distanza

Il bonus 500 euro per la scuola consiste in una cifra di cui possono usufruire i docenti a tempo indeterminato per l'aggiornamento professionale. Con...

Nuovi docenti assunti a scuola: saranno licenziati se torna il lockdown

Nel Decreto Rilancio è stata inserita una norma che permetterebbe di assumere nuovi docenti da impiegare come supplenti a scuola. La possibilità di nuovi...

Ultime notizie

Liceo scientifico: materie di studio e sbocchi professionali

Al liceo scientifico materie molto particolari e specifiche che si riferiscono proprio a questo tipo di percorso di studio. Ma perché scegliere il liceo...

Entro la prima settimana di ottobre la prova scritta del concorso straordinario

La ministra dell'Istruzione Lucia Azzolina ha annunciato che la prova scritta del concorso straordinario si terrà entro la prima settimana di ottobre. Sono queste...

Bonus 500 euro per la scuola: acquisti anche per la didattica a distanza

Il bonus 500 euro per la scuola consiste in una cifra di cui possono usufruire i docenti a tempo indeterminato per l'aggiornamento professionale. Con...

Nuovi docenti assunti a scuola: saranno licenziati se torna il lockdown

Nel Decreto Rilancio è stata inserita una norma che permetterebbe di assumere nuovi docenti da impiegare come supplenti a scuola. La possibilità di nuovi...

Didattica a distanza: stabilita la bozza delle nuove linee guida

Sono state messe a punto le bozze che riguardano le nuove linee guida per la didattica a distanza. Già nell'anno scolastico appena trascorso si...