Aumento di stipendio nella scuola: quant’è e da quando inizia

0
93

Si parla tanto di aumento di stipendio nella scuola, sia per gli insegnanti che per il personale ATA. Eppure non è così facile riuscire a raggiungere un significativo aumento di stipendio, perché nell’ambito del servizio prestato a scuola bisogna avere anche una notevole anzianità di servizio per raggiungere aumenti consistenti. Gli stipendi del personale della scuola aumentano in Italia soltanto di circa il 50% dopo 35 anni di servizio. Una situazione molto differente rispetto a quanto accade negli altri Paesi europei.

Le dichiarazioni di Azzolina sugli aumenti di stipendio nella scuola

Negli altri Paesi europei, come per esempio in Irlanda, nei Paesi Bassi e in Polonia, gli stipendi dei docenti possono aumentare di molto e arrivare già a superare il 60% nei primi 15 anni di servizio. La ministra dell’Istruzione Azzolina a questo proposito ha fatto notare in una recente intervista che ci sarebbe la necessità di adeguare gli stipendi dei docenti italiani a quelli europei.

Azzolina è convinta di tutto ciò e ha affermato che inizierebbe con gli aumenti proprio a partire dagli insegnanti di scuola primaria. Forse già qualche cosa si può muovere fin da adesso? Sappiamo a questo proposito che nella bozza di Legge di Bilancio 2021 sono stati stanziati 400 milioni di euro in più da destinare al rinnovo del contratto dei dipendenti pubblici.

A quanto corrisponderebbe l’aumento dello stipendio nella scuola

In definitiva, facendo gli opportuni calcoli, comunque si tratterebbe di un aumento poco significativo, perché si potrebbe trattare di circa 40-50 euro in più per ogni soggetto che lavora nel mondo scolastico.