Come sarà la scuola a settembre 2020

0
161
come sarà la scuola a settembre 2020

Si stanno delineando a poco a poco le misure che saranno messe in atto per il ritorno a scuola a settembre 2020, dopo un anno scolastico difficile determinato dal lockdown. I presidi insistono sul fatto che ci sarebbe bisogno di personale in più e si calcola che ci sarebbe la necessità di 85mila insegnanti rispetto a quelli attuali. Al centro dell’attenzione ci sono parecchie tematiche, ma come sarà la scuola a settembre 2020? Inevitabili alcuni cambiamenti.

I cambiamenti a scuola a settembre per la scuola in ingresso

Il Ministero dell’Istruzione ha più volte ribadito che gli studenti entreranno a scuola scaglionati in base a fasce d’orario differenti. L’intervallo tra l’entrata di una classe e l’altra sarà da 10 a 30 minuti, per evitare assembramenti.

Gli studenti non avranno la possibilità di sostare per più di un quarto d’ora negli spazi antistanti la scuola prima dell’inizio delle lezioni. L’ingresso distanziato sarà più evidente per le scuole superiori per evitare soprattutto l’affollamento sui mezzi pubblici.

Ancora è da valutare se i ragazzi delle superiori saranno costretti a fare dei doppi turni oppure a seguire una didattica mista, fatta di fasi in presenza e di fasi a distanza.

Le disposizioni all’interno dell’aula

All’interno delle aule scolastiche gli studenti dovranno stare distanti un metro l’uno dall’altro. Per questo molte scuole si stanno attrezzando con banchi monoposto.

Non si tratta necessariamente dei banchi ergonomici, sui quali ci sono state parecchie polemiche, ma anche di banchi tradizionali di legno, in ciascuno dei quali potrà stare seduto soltanto uno studente. I dirigenti valutano anche in base alla capienza dell’aula.