Invalsi, i risultati dei nostri studenti non sono certo eccellenti

Da qualche anno ai nostri studenti, in concomitanza con gli esami finali di fine anno, vengono somministrati dei test Invalsi, test assolutamente anonimi ma che servono a valutare le competenze acquisite in ambito matematico, letterario e linguistico.

E quest’anno i risultati non sono affatto eccelsi, anzi: i test attestano profonde carenze nelle competenze di base di moltissimi studenti, in primis nei maturandi. 

I test sono somministrati anche alle scuole elementari e medie, ma a sconvolgere, in negativo, sono proprio i test dei ragazzi dell’ultimo anno delle superiori.

A quanto pare a livello nazionale meno di 2 su 3 raggiungono i livelli minimi in Italiano (sono solo il 65,4%). Ancora meno quelli che superano le prove di Matematica (poco più della metà: 58,3%). Ma il vero disastro avviene con l’Inglese: solo il 51,8% ottiene il livello minimo richiesto (B2, intermedio superiore secondo il Quadro comune europeo per la conoscenza delle lingue) nella prova di lettura (reading), appena il 35% viene ‘promosso’ nella prova di ascolto (listening).

C’è anche una marcata differenza territoriale: in alcune regioni del Mezzogiorno le percentuali degli studenti carenti, specialmente in Matematica e in Inglese, schizzano in alto.

In italiano, la percentuale di allievi che raggiungono risultati almeno adeguati è il 51% in Campania (-14,4% rispetto all’Italia), il 46% in Calabria (-19,4% rispetto all’Italia) e il 49% in Sicilia (-16,4% rispetto all’Italia). Ma le differenze crescono ancora in matematica, dove la percentuale di allievi che raggiungono risultati almeno adeguati è il 39,6% in Campania (-18,6% rispetto all’Italia), il 36,9% in Calabria (-21,3% rispetto all’Italia), il 39,2% in Sicilia (-19% rispetto all’Italia) e il 41,4% in Sardegna (-16,8% rispetto all’Italia).

Dossier Scuola
Contributi unificati degli autori.

Latest Posts

Scuola 0-6 anni: arrivano le regole per la mensa

Sono state approvate le linee guida che riguardano la scuola 0-6 anni per quanto riguarda l'organizzazione in modo che i bambini possano ritornare in...

Supplenze a scuola: come avverranno le convocazioni da GPS

Scade il 6 agosto la compilazione delle graduatorie provinciali che devono servire da base per la convocazione delle supplenze a scuola per il prossimo...

Liceo scientifico: materie di studio e sbocchi professionali

Al liceo scientifico materie molto particolari e specifiche che si riferiscono proprio a questo tipo di percorso di studio. Ma perché scegliere il liceo...

Entro la prima settimana di ottobre la prova scritta del concorso straordinario

La ministra dell'Istruzione Lucia Azzolina ha annunciato che la prova scritta del concorso straordinario si terrà entro la prima settimana di ottobre. Sono queste...

Ultime notizie

Scuola 0-6 anni: arrivano le regole per la mensa

Sono state approvate le linee guida che riguardano la scuola 0-6 anni per quanto riguarda l'organizzazione in modo che i bambini possano ritornare in...

Supplenze a scuola: come avverranno le convocazioni da GPS

Scade il 6 agosto la compilazione delle graduatorie provinciali che devono servire da base per la convocazione delle supplenze a scuola per il prossimo...

Liceo scientifico: materie di studio e sbocchi professionali

Al liceo scientifico materie molto particolari e specifiche che si riferiscono proprio a questo tipo di percorso di studio. Ma perché scegliere il liceo...

Entro la prima settimana di ottobre la prova scritta del concorso straordinario

La ministra dell'Istruzione Lucia Azzolina ha annunciato che la prova scritta del concorso straordinario si terrà entro la prima settimana di ottobre. Sono queste...

Bonus 500 euro per la scuola: acquisti anche per la didattica a distanza

Il bonus 500 euro per la scuola consiste in una cifra di cui possono usufruire i docenti a tempo indeterminato per l'aggiornamento professionale. Con...