Unicef, l’organizzazione che salva i bimbi del mondo
Unicef organizzazione che salva i bimbi del mondo

Forse, pensando al mondo nel suo complesso, la cosa che subito salta all’occhio è la disparità tra paesi ricchi e poveri e, anche all’interno della stessa nazione, tra classi sociali differenti.

Le differenze sono ancora più profonde se si pensa ai bambini che, assieme agli anziani, sono la classe più debole poiché, almeno temporaneamente, sono impotenti  dinanzi alla loro realtà.

Ma per fortuna ci sono numerose organizzazioni che si battono proprio per eliminare queste disparità.

L’UNICEF, ad esempio,  è l’agenzia dell’ONU che si occupa di promuovere i diritti e migliorare le condizioni di vita dei bambini e delle bambine in tutto il mondo.

In 156 Paesi di Asia, Africa, America Latina, Europa orientale e Oceania, l’UNICEF è attivo con programmi di sviluppo umano e sostenibile a lungo termine, realizzati grazie a una rete di uffici permanenti sul campo, intervenendo in tutte le fasi del ciclo di vita del bambino e dell’adolescente (da 0 a 18 anni) e nei più diversi settori.

L’UNICEF è stata fondata dapprima fondata l’11 dicembre del 1946, con l’obiettivo di aiutare e sostenere i bambini europei che erano stati danneggiati dal conflitto, poi dopo sette anni dalla sua fondazione  è divenuta permanente e si è affermata come agenzia specializzata dell’ONU.

L’UNICEF è finanziato con contributi volontari di paesi, governi e privati e ha ricevuto il premio Nobel per la pace nel 1965. fffff

Possono interessarti

Obesità infantile: tassare le bibite gassate?

Obesità infantile, davvero la soluzione sarebbe tassare le bibite gassate? Certo, tutto…

Preside licenziato, utilizzava la scuola per il mining di criptovalute

Un preside cinese è stato licenziato per l’estrazione di criptovalute a scuola…

I bambini disagiati a scuola non vanno riuniti in gruppo

I bambini che provengono da famiglie disagiate fanno meglio a scuola se…

Sempre meno bambini vaccinati: i genitori temono le conseguenze negative

Se i moniti dell’Organizzazione mondiale della sanità non bastassero, ora arriva anche…