La supplente entra in classe e dice ai bambini che Babbo Natale non esiste
La supplente entra in classe e dice ai bambini che Babbo Natale non esiste

La supplente dice agli studenti del primo anno che Babbo Natale non esiste e fa scoppiare un caso.

Un distretto scolastico del New Jersey è stato accusato dopo che un insegnante sostituto ha rivelato agli studenti del primo anno che Babbo Natale non è reale. In una lettera ai genitori, il preside della scuola di Cedar Hill, Michael Raj, a Montville, ha detto che una volta resosi conto della situazione, ha “immediatamente” parlato con l’insegnante sostitutivo.

Sto inviando questa lettera in modo che tu sia a conoscenza della situazione e se la conversazione si presenterà a casa nei prossimi giorni potrai prendere le misure appropriate per mantenere l’innocenza dell’infanzia delle festività natalizie“, ha aggiunto sulla sua lettera personale ai genitori, il preside della scuola.

Poi si è scusato con i genitori, dicendo lui stesso scioccato come genitore, un padre di uno dei bambini ha detto che l’insegnante avrebbe rivelato agli studenti che Babbo Natale non è reale e che i genitori “semplicemente comprano i regali e li mettono sotto il loro albero“.

Il padre ha proseguito rivelando ciò che gli aveva riferito il figlioletto che avrebbe detto che l’insegnante ha anche cercato di rovinare lo spirito delle altre festività. “Ha detto che le renne non possono volare e che gli elfi non sono reali e l’elfo sullo scaffale è solo una bambola finta mossa dai tuoi genitori“, poi ha proseguito:

Non si è nemmeno fermata lì: la fatina dei denti non è reale perché mamma o papà si intrufolano nella tua camera nel bel mezzo della notte e mettono i soldi sotto il cuscino, lo stesso vale per il coniglietto di Pasqua. Ha detto che la magia non esiste Non esiste nulla di magico“.

Il sovrintendente della scuola Montville Rene Rovtar ha rilasciato una dichiarazione in cui afferma di essere stata “preoccupata” e “scoraggiata” dall’incidente. “La meraviglia dell’infanzia associata a tutte le vacanze e le tradizioni è qualcosa che personalmente tengo vicino e caro nel mio cuore“, ha detto Rovtar.

Gli amministratori non hanno rilasciato il nome dell’insegnante e non hanno detto se avrebbe continuato a insegnare nel distretto.

Possono interessarti

In Inghilterra si chiede di alleviare la pressione sugli insegnanti

“La cultura dell’audit”, così è chiamata in Inghilterra, sarebbe la causa del…

Famiglie italiane più povere, oltre 9 milioni non pagano bollette

Famiglie italiane più povere, cresce quella che viene definita povertà energetica Cresce…

Concorso 2018 fase transitoria ruolo per i non abilitati

Nel 2018 saranno indetti i nuovi concorsi, fase transitoria, riservata agli ITP,…

Modena, arriva la scabbia a scuola

In Italia sembra che l’unica cosa che riesca a diffondersi senza limiti…