Maturità 2023: cambierà con il nuovo governo? Le possibili novità

0
3368
maturità 2023

Con il nuovo governo sono in tanti a chiedersi se ci saranno delle novità per quanto riguarda il prossimo esame di maturità 2023. Gli studenti dell’ultimo anno delle scuole superiori, infatti, si chiedono in questo periodo se saranno messe in atto delle novità nell’ambito degli esami conclusivi del ciclo di studi.

È ancora presto, in realtà, per parlare di novità in questo ambito. Gli esami di maturità 2023 si svolgeranno a partire dal prossimo 21 giugno, data nella quale è prevista la prima prova. Ci potrebbero, comunque, essere dei cambiamenti per ciò che riguarda le commissioni di esame e la seconda prova.

Le possibili novità per la seconda prova scritta

Si parla al momento soltanto di ipotesi, che non hanno trovato conferme ufficiali, ma ciò che si dice in questi giorni riguarda delle possibili modifiche per ciò che riguarda la seconda prova scritta nella maturità 2023.

Secondo le informazioni che circolano a questo proposito, si pensa ad un possibile cambiamento per la seconda prova scritta, che potrebbe avvenire su base nazionale e non tenendo conto delle decisioni delle varie commissioni, come è accaduto l’anno scorso.

Si tratta, ovviamente, di un ritorno a quanto avveniva in passato, perché le norme prevedono comunque una seconda prova scritta nazionale uguale per tutti. Gli anni che hanno caratterizzato la presenza della diffusione della pandemia sono da intendersi di conseguenza come delle eccezioni.

Le commissioni per gli esami di maturità 2023

Per quanto riguarda le commissioni, si pensa ad alcune ipotesi che potrebbero apportare dei cambiamenti anche in questo ambito. Ad esempio, si parla di un aumento del numero dei commissari esterni.

Si tratta, però, di una possibilità che deve essere valutata, considerando che ci sarebbe un aumento dei costi che riguarderebbero proprio la retribuzione per coloro che svolgeranno il ruolo di commissari.

Per questo, secondo alcune ipotesi, si potrebbe fare ritorno ad una commissione mista, come accadeva prima del periodo del Covid. Infatti ricordiamo che in questi anni la commissione in questione è stata sostituita da una commissione che era totalmente interna alla scuola.

Non possiamo fare altro che attendere le prossime settimane o i prossimi mesi per avere delle indicazioni ufficiali sulla maturità 2023.