Morbillo, non è stata raggiunta la cosiddetta “immunità di gregge”

Qualche decennio fa molte patologie erano state completamente debellate, mentre oggi continui focolai ritornano a scoppiare, e non solo nei paesi del terzo mondo, dove quantomeno la povertà è una “giustificazione” alle mancate vaccinazioni.

Anche in Italia, benché in leggero miglioramento, la situazione è molto delicata e purtroppo non si è riusciti a raggiungere gli obiettivi prefissati.

Nello specifico, secondo i nuovi dati del Ministero della Salute  nel 2018 la copertura per la prima dose di vaccino contro il morbillo-parotite-rosolia è cresciuta del 1,38%, stanziandosi al 93,2%. Una percentuale superiore rispetto all’anno precedente ma non sufficiente per riuscire a debellare la patologia: obiettivo per raggiungere il quale è necessario varcare la soglia del 95%.

L’Italia ha registrato 180 casi a gennaio, rispetto ai 76 di dicembre e 58 di novembre 2018. Inoltre dal primo gennaio al 31 maggio 2019 sono stati segnalati 1.096 casi di morbillo: 180 a gennaio; 171 a febbraio, 222 a marzo; 305 ad aprile e 218 a maggio. La situazione non è la stessa su tutto il territorio. Oltre due terzi dei casi, infatti, si sono verificati in Lazio, Emilia-Romagna e Lombardia. Colpisce anche l’età media dei pazienti, molto alta: 30 anni. Tra i contagiati l’86,7 per cento non era vaccinato.

Parallelamente, poi, continua a crescere, nel 2018, la copertura vaccinale contro la polio, usata come indicatore per le vaccinazioni contenute nell’esavalente: per i bimbi sotto i 2 anni, nella maggior parte delle regioni, supera la soglia minima del 95% raccomandata dall’Oms. Tuttavia, Friuli Venezia Giulia, Marche, Sicilia e Veneto hanno ancora una copertura sottosoglia e Bolzano, con l’83%, è lontana dal target.  f

Dossier Scuola
Contributi unificati degli autori.

Latest Posts

La sanificazione delle scuole spetta agli ATA secondo il comitato scientifico

Il documento del comitato tecnico scientifico dispone anche alcune misure che devono essere adottate per il rientro nelle scuole a settembre, in particolare parlando...

Carta docente per i precari: bonus di 300 euro ritirato

È stato raggiunto un accordo sul decreto scuola e, mentre nella prima fase prevedeva anche la carta docente per gli insegnanti precari, si apprende...

Accordo raggiunto per il concorso per i precari con almeno tre anni di servizio

È stato raggiunto l'accordo sul concorso per i precari, per quegli insegnanti che possono vantare già almeno tre anni di servizio nelle scuole italiane....

Ultimo giorno di scuola all’aperto, Ascani: ‘Siamo al lavoro’

Si è parlato tanto dell'ultimo giorno di scuola all'aperto e ci sono state diverse polemiche, ma sulla questione è ritornata adesso a parlare il...

Ultime notizie

La sanificazione delle scuole spetta agli ATA secondo il comitato scientifico

Il documento del comitato tecnico scientifico dispone anche alcune misure che devono essere adottate per il rientro nelle scuole a settembre, in particolare parlando...

Carta docente per i precari: bonus di 300 euro ritirato

È stato raggiunto un accordo sul decreto scuola e, mentre nella prima fase prevedeva anche la carta docente per gli insegnanti precari, si apprende...

Accordo raggiunto per il concorso per i precari con almeno tre anni di servizio

È stato raggiunto l'accordo sul concorso per i precari, per quegli insegnanti che possono vantare già almeno tre anni di servizio nelle scuole italiane....

Ultimo giorno di scuola all’aperto, Ascani: ‘Siamo al lavoro’

Si è parlato tanto dell'ultimo giorno di scuola all'aperto e ci sono state diverse polemiche, ma sulla questione è ritornata adesso a parlare il...

Voti alle elementari: stop ai numeri, torna il giudizio

Alla scuola elementare cambio ai voti. Non ci saranno più i voti numerici, ma la valutazione dell'alunno verrà espressa con un giudizio. È stato...