Sempre meno bambini vaccinati: i genitori temono le conseguenze negative
Sempre meno bambini vaccinati

Se i moniti dell’Organizzazione mondiale della sanità non bastassero, ora arriva anche quello dell’Unicef: il morbillo, che era stato dichiarato eliminato nel 2000, è tornato e ha ucciso nel 2017 circa 110mila persone, per lo più bambini.

Solo quest’anno i casi di morbillo sono aumentati del 300% rispetto all’anno scorso ed in Italia ci sono almeno 435mila bambini non vaccinati: quinto posto tra i paesi ricchi con minore copertura vaccinale.

Una scelta sconsiderata quella di non vaccinare, se non altro perché nel mondo, ricorda l’Istituto superiore di sanità, le vaccinazioni prevengono ogni anno tre milioni di decessi (7mila al giorno) e proteggono da malattie gravi come il morbillo, la polio, la difterite, il tetano.

Ma allora perché si fa una scelta del genere?

Secondo quanto emerge dal primo Eurobarometro sull’atteggiamento degli europei sui vaccini, presentato dalla Commissione Ue, quasi un italiano su due, il 46%, è convinto che i vaccini possano causare spesso gravi effetti collaterali, circa un terzo pensa che indeboliscano il sistema immunitario (32%) e che possano causare la malattia da cui proteggono (34%).

E la situazione non cambia negli altri paesi del vecchio continente: il 48% degli europei crede a effetti collaterali gravi e frequenti, percentuale che supera il 50% in ben sedici paesi Ue.

“Queste sono percezioni errate che bisogna affrontare, l’Europa è la regione nel mondo con il livello più basso di fiducia sulla sicurezza e efficacia dei vaccini e questo è un rischio per la salute pubblica”, ha spiegato il vicepresidente della Commissione europea, Jyrki Katainen.

Possono interessarti

Scuola, è emorragia nei nuovi iscritti

La crescita di un paese passa dalla sua economia, certamente, dai suoi…

Materie maturità 2018 Fedeli le annuncia sul web

Gli studenti sono in trepidante attesa che il Miur e il ministro…

Concorso 2018 fase transitoria ruolo per i non abilitati

Nel 2018 saranno indetti i nuovi concorsi, fase transitoria, riservata agli ITP,…

Università, ecco quali sono le più prestigiose

Una volta concluso il ciclo di studi superiore, un grande dilemma affligge…