Torino, due maestre accusate di maltrattamenti in un nido
Torino due maestre accusate di maltrattamenti in un nido

Quanto più i bambini sono piccoli, tanto più sono indifesi ed incapaci di difendersi da soli: proprio per questo i genitori, ma anche i fratelli maggiori, i parenti, gli amici, tutti gli adulti a cui sono anche occasionalmente affidati, dovrebbero fare il massimo per proteggerli.

Eppure, in un mondo che sembra quasi girare al contrario, un bambino di soli 7 anni viene ucciso di botte dal suo patrigno, che ha letteralmente sfigurato anche la sorellina: e questa è solo la punta dell’iceberg di un universo di violenza che troppo spesso rimane celato.

Gli orchi si nascondono in casa, ma anche nelle scuole: di queste ore è anche la notizia di due maestre arrestate per maltrattamenti addirittura in un asilo nido.

Le arrestate, due donne, entrambe italiane, avevano allestito a Torino, in una mansarda, senza riscaldamento, un asilo nido privato.

In questa stanza, senza tutti i requisiti previsti dalla legge, allevavano per buona parte della giornata un numero di bambini superiore a quello stabilito, lasciandoli piangere per ore e strattonandoli.

In alcuni casi, per punizione, li chiudevano in una stanza.

Secondo l’accusa, evitavano di cambiare i bambini e di lavarli, impedivano loro di dormire o li esponevano alle fredde temperature invernali portandoli con sé a fare commissioni.

Ora le due dovranno rispondere di maltrattamenti continuati in concorso, aggravati dalla minore età delle vittime.

Possono interessarti

Preside licenziato, utilizzava la scuola per il mining di criptovalute

Un preside cinese è stato licenziato per l’estrazione di criptovalute a scuola…

Asma c’è un filo conduttore con l’obesità infantile

Un problema che spesso si manifesta anche a scuola ma è possibile…

Ingegneria VS Economia: le facoltà più promettenti del momento

Il binomio Ingegneria Economia è ricorrente negli ultimi anni in merito a…

Sempre meno bambini vaccinati: i genitori temono le conseguenze negative

Se i moniti dell’Organizzazione mondiale della sanità non bastassero, ora arriva anche…