Università telematica: il ruolo strategico della modalità e-learning
Universita telematica il ruolo strategico della modalita e-learning

Sono un fenomeno “nuovo” in Italia (13 anni appena) ma esistono da molto più tempo nel resto del mondo: parliamo delle università che si avvalgono di metodologie di e-learning per permettere agli studenti di studiare stando comodamente da casa. Per quanto nel Belpaese l’Università Telematica per molti sembri ancora una novità non lo è per gli studenti: l’anno accademico 2017/2018 per esempio ha visto ben 75.000 iscritti alle Università Telematiche Italiane.

Perché l’e-learning funziona?

I motivi per i quali sempre più studenti scelgono l’e-learning sono vari: spesso ci sono valutazioni di tipo economico o logistico altre volte scelte personali o di stile di vita. Grazie alla diffusione capillare delle connessioni veloci e di dispositivi per connettersi ad Internet, l’apprendimento a distanza è sicuramente oggi molto più “appetibile” che 15 anni fa quando ancora metà della popolazione Italiana ancora non disponeva di connessioni veloci e gli smartphone dovevano ancora arrivare.

Prendiamo l’esempio di uno studente che nel 2018 deve scegliere tra Università Telematica e Tradizionale e, per un momento, mettiamo da parte alcune delle valutazioni, personali o economiche che abbiamo menzionato prima, e soffermiamoci sul confronto.

Molte Università Tradizionali Italiane ancora sono molto Tradizionali. Letteralmente. In alcuni casi è ancora impossibile evitare lunghe code in segreteria per iscriversi o depositare documenti. E qui subito il primo punto a favore delle Università Telematiche in cui si fa tutto online. Anche se alcune telematiche hanno sedi con segreterie sparse nel territorio, queste servono più per aiutare chi non ama fare tutto online e non comportano un passaggio obbligato. E le file chilometriche non accadono.

Passiamo alle Lezioni: Università Tradizionale spesso significa corse folli per arrivare in tempo, per trovare posto, per trovare un posto decente in cui si sente e si vede tutto, prendere appunti è importante ed è importante anche avere qualcuno da cui farsi prestare gli appunti se si manca a lezione o si arriva tardi.

E diciamoci la verità, spesso ci sono anche professoroni con incarichi ovunque che non si presentano a lezione e non avvisano. Sprecando il tempo degli studenti che si sono precipitati a lezione. Un altro punto che ovviamente va a favore delle telematiche: la didattica e-learning è “on-demand” cioè i materiali e le lezioni sono sempre disponibili per gli studenti che possono accedervi in ogni momento. Niente corse, niente lezioni cancellate all’ultimo minuto, niente stress appunti.

Università per Nativi Digitali

Insomma, i punti di forza delle Università Telematiche e dell’e-learning, porterebbero oggi uno studente a scegliere. I nativi digitali non amano file, non amano corse pazze la mattina presto e vogliono imparare con il loro ritmo. Se poi all’equazione si aggiungono le comodità di organizzare totalmente le proprie giornate al di là dello studio, magari lavorando, dedicandosi allo sport o alla famiglia ed i vantaggi economici per chi dovrebbe spostarsi per studiare, l’e-learning diventa una scelta molto saggia.

Grazie a questi vantaggi offerti, tra le Università Telematiche Italiane Unicusano è quella che negli ultimi anni ha raggiunto obiettivi tra i più ambiziosi: una crescita veloce in termini di studenti ma anche di risultati.

Con un’offerta formativa molto vasta di triennali, specialistiche, magistrali, master e corsi di formazione professionale, oltre 20.000 iscritti, un campus modellato su quelli anglosassoni immerso nel verde e con strutture all’avanguardia in cui chi vuole può assistere a lezioni ed impegnarsi in attività extra-didattiche, come lo sport, Unicusano vuole migliorare la vita degli studenti a 360 gradi e lo dimostra mantenendo un alto indice di gradimento anche tra i laureati e ottenendo sempre più riconoscimenti da parte di istituzioni ed enti.

Contributi unificati degli autori.

Possono interessarti

Maturità 2018 le materie della seconda prova

Il ministro dell’Istruzione Fedele ha annunciato attraverso i canali social del Miur…

Maturità, i cambiamenti per i maturandi 2019

Negli ultimi due decenni l’assetto della scuola italiana è stato completamente rivoluzionato,…

Stati Uniti, pochi investimenti nella scuola ci sono gli insegnanti virtuali

Stati Uniti, in alcune classi del liceo, l’insegnante è su uno schermo…

Gestire le risorse umane: il lavoro del futuro

Quando si deve scegliere un percorso di studi è importante anche valutarlo…